Tra palazzoni degradati e locali fatiscenti di una imprecisata metropoli orientale, il giovane Aniki pianifica l’assassinio di Kaneko, il potente boss di un’organizzazione criminale specializzata nel controllo delle strutture ospedaliere, le forniture sanitarie, e lo smaltimento illegale dei rifiuti biologici.
In questo modo, Aniki confida di ottenere la considerazione ed il sostegno economico dello Shuuei Group, rivale della Keneko-gumi. Ad aiutarlo nella sua missione omicida ci sono Emoto, suo fratello minore, ed Aya che con Aniki condivide molto più di una relazione sentimentale…
Tuttavia, le cose non andranno nel verso previsto…

Dal genio  di Morita Masanori, attraverso l’arte unica di Takeshi Obata, una storia di amore e di tradimento, con finale estremo che fa il verso al cinema di Takeshi Kitano (“Sonatine”; “Brother”).
Pubblicato per la prima volta sulla rivista Jump Square, alla fine del 2007, “Hello Baby” è una short story di passaggio, che merita di essere letta. Il tratto e lo stile di Obata presenta analogie evidenti col suo capolavoro assoluto: “Death Note”; tanto che la somiglianza tra Aniki e Light Yagami è fin troppo evidente, senza però nulla togliere alla godibilità della storia.

 Clicca per leggere Hello Baby!

Annunci